Intervista a Nicola e Carlotta di “Conviva Bottega e Cucina” di Trento: un menù buono, pulito e giusto

Carlotta e NicolaSia bottega che cucina, sempre nel segno del buono, pulito e giusto: succede a Trento, presso “Convivia Bottega e Cucina“, il primo esercizio trentino ad aver ottenuto sia la certificazione Ecoacquisti Trentino per le attività di vendita che Ecoristorazione Trentino per quelle di ristorazione. Ecco cosa ci hanno raccontato i gestori, Nicola Fattibene e Carlotta Mattedi.

Come scegliete i vostri fornitori alimentari?

Entrambi siamo referenti di Slow Food, Nicola per il territorio di Trento, Carlotta per la Valsugana e Lagorai. Questo nostro impegno ci porta a ricercare quei produttori che come noi rispettano i valori della qualità, ma anche quelli ambientali e sociali. Ciò che noi cerchiamo nella materia prima, infatti, è la qualità in senso pieno e ampio, che contempli il rispetto delle tradizioni gastronomiche, della stagionalità, del giusto prezzo e della sostenibilità sociale e ambientale delle lavorazioni. Conosciamo personalmente i nostri fornitori ed è anche grazie a visite in azienda e nei campi che cerchiamo di individuare, e garantire a nostra volta, la qualità della materia prima.

Carlotta-e-Nicola-Convivia-FoodQuali pensate che siano i vantaggi e gli svantaggi della ristorazione sostenibile?

A nostro parere gli svantaggi sono pochi e non costituiscono dei veri problemi. Certo, le materie prime di qualità o le scelte più sostenibili a livello ambientale costano di più nel breve termine, però i vantaggi di operare scelte sostenibili sono grandi e vengono sempre più apprezzati dal consumatore. Dobbiamo sempre considerare, nelle scelte di ogni giorno, che lavorare bene, rispettando gli altri e l’ambiente, porta sempre a dei benefici, magari non immediati o subito visibili, ma che ripagano sul lungo periodo. La ristorazione sostenibile ci porta a dover elaborare più menù durante l’anno per seguire la stagionalità dei prodotti, ma questo sforzo regala un triplo vantaggio: i prezzi delle materie prime sono migliori, il sapore del cibo risalta rispetto a prodotti di serra e soprattutto il cliente è contento di provare piatti e sapori sempre nuovi.

Qual è la reazione della clientela?

Il consumatore si sta spostando sempre più verso scelte più consapevoli e siamo convinti che la risposta dei clienti, già buona e interessata, potrà solo migliorare, anche grazie al lavoro di squadra che i clienti più attenti, noi e i nostri fornitori con le loro attività stiamo portando avanti.

Cosa vi ha spinto a richiedere il marchio Ecoristorazione Trentino?

La nostra attività di vendita era già certificata Ecoacquisti Trentino dal 2015 e ci piaceva la sfida di congiungere le due certificazioni. Ora che ce l’abbiamo fatta possiamo dirci contenti di essere entrati a far parte di un gruppo di ristoratori che tutti i giorni s’impegnano per migliorarsi sul piano ambientale. Fa anche piacere avere ottenuto la conferma, da parte di un ente di certificazione come il Vostro, che la strada intrapresa è quella giusta, che le nostre pratiche sono riconosciute come buone e che la nostra ricerca della qualità si estende anche oltre la sola alimentazione.

Progetti per il futuro?

Migliorare e migliorarci, espandere la nostra rete di fornitori e continuare a raccontare con sempre maggior passione ed efficacia l’importanza di produrre in maniera sana, sostenibile e giusta, e sempre con un occhio di riguardo per il piacere della buona tavola.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *