Casa del Vino propone: Torta calda di mele

TORTA DI MELETerzo appuntamento con il ricettario degli eco-ristoratori trentini.

Leggi il calendario di pubblicazione delle 10 eco-ricette.

Oggi è la volta della Torta calda di mele proposta dalla Casa del Vino della Vallagarina!

Questo dolce è cotto e servito in coppettine del diametro di circa 15 cm da cui si ricavano due porzioni. A parte si porta la salsa al cioccolato e la crema alla vaniglia.

Ingredienti per 6 persone
100 gr di tuorlo
75 gr di acqua
75 gr di olio extravergine di oliva biologico del Frantoio di Riva
120 gr di farina 00
15 gr di zucchero
10 gr di fecola
240 gr di albume
120 gr di zucchero
12 gr di fecola
3-4 mele La Trentina

casa del vinoMontare a schiuma il tuorlo con l’acqua e l’olio. Gradatamente si aggiunge la farina 00 setacciata con la fecola e lo zucchero. Si monta poco l’albume e subito si aggiunge sempre piano piano lo zucchero e la fecola finendo di montare.
Si uniscono i due impasti lentamente e infine si aggiungono le mele sbucciate e tagliate a cubetti.
Il composto viene versato in tre stampini del diametro di circa 15 cm imburrati e infarinati e cotti a 165° in forno statico per circa 50 minuti.
Si accompagnano con salsa al cioccolato e crema inglese.

Per la salsa al cioccolato
60 ml di panna
75 ml di acqua
75 gr di zucchero
33 gr di cacao

Si uniscono bene gli ingredienti e si cuoce il tutto a fuoco basso per 15 minuti. Il composto deve risultare abbastanza liquido.

Per la crema
½ litro di latte
Buccia di un limone bio
Stecca di vaniglia
140 gr di tuorlo
150 gr di zucchero
40 gr di farina 00
40 gr di fecola
¼ di litro di panna
50 gr di zucchero

Bollire il latte con la buccia del limone e la vaniglia. Filtrare e raffreddare fino a portarlo a una temperatura inferiore a 80°.
Nel frattempo unire il tuorlo con lo zucchero, la farina e la fecola setacciate ottenendo un composto liscio. Si unisce il latte e si riporta a cottura fino a che non si addensa.
Montare la panna con lo zucchero e unire alla crema raffreddata, ottenendo un composto cremoso ma non troppo aggiungendo se serve la panna liquida non montata.

E dopo averla fatta…

Se la ricetta ti è venuta bene, vai a trovare il ristoratore per ringraziarlo!

Se non ti è venuta bene, vai a trovarlo per gustarla da lui!

Sai dove sono gli eco-ristoratori trentini?


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *