La nuova Ecoristorazione è operativa!

nuovo EcoristorazioneQuasi un anno fa – era l’ottobre 2014 – vi comunicavamo che Ecoristorazione Trentino si era data nuove azioni da realizzare. Adesso che sono terminate tutte le verifiche sugli eco-ristoratori in possesso del marchio, possiamo annunciarvi che entrare in un ristorante col marchio Ecoristorazione Trentino significa trovare applicate anche le nuove azioni!

Le nuove azioni

Sono 65 gli eco-ristoratori rimasti in possesso del marchio (ai quali nel frattempo se ne sono aggiunti 4 nuovi).

Tutti loro sono tenuti a promuovere l’asporto di cibo non consumato (prima era facoltativo).

Queste poi sono le 5 nuove azioni facoltative più gettonate dagli eco-ristoratori:

  • utilizzo di alimenti locali acquistati direttamente da produttori vicini al ristorante: scelto da 59 eco-ristoratori
  • proposta di un menù vegetariano: 58 eco-ristoratori
  • utilizzo di detersivi a ridotto imballaggio: 44 eco-ristoratori
  • adesione alle attività di formazione ambientale: 37 eco-ristoratori
  • proposta di mini-porzioni per evitare gli avanzi nel piatto: 23 eco-ristoratori

Da segnalare la scelta anche di queste altre nuove azioni facoltative:

  • utilizzo di detergenza naturale: 20 eco-ristoratori
  • utilizzo esclusivo di acqua naturale (non frizzante) del rubinetto: 18 eco-ristoratori
  • gestione dei propri dati ambientali (consumi di energia e acqua, produzione di rifiuti): 11 eco-ristoratori
  • eliminazione degli alimenti di lontana provenienza (oltre 1.200 chilometri dal risotorante): 11 eco-ristoratori
  • sconto a chi arriva al ristorante con mezzi di trasporto a ridotto impatto ambientale: 9 eco-ristoratori
  • utilizzo di prodotti provenienti da terre confiscate alle mafie: 4 eco-ristoratori
  • erogazione del servizio in edifici ad elevate prestazioni energetiche certificate: 1 eco-ristoratore

Eco-ristoratori avanzati e virtuosi

Altra novità è la classificazione degli eco-ristoratori in tre categorie: base, avanzato e virtuoso, a seconda del punteggio ottenuto con le azioni facoltative.

A raggiungere l’elevata soglia di 50 punti (su 74) per diventare eco-ristoratore “virtuoso” è riuscito solo uno di loro: il Parco Hotel Terme Regina Elena di Caderzone.

Degli altri 69, sono 20 quelli che hanno raggiunto o superato i 35 punti necessari a diventare eco-ristoratore “avanzato”. Il punteggio medio di tutti gli eco-ristoratori è pari a 31,6 punti.

L’auspicio è che nel tempo tutti quanti, grazie al marchio Ecoristorazione Trentino, migliorino la loro performance ambientale.

Per saperne di più

Per maggiori approfondimenti e conoscere punteggi e azioni di ogni singolo eco-ristoratore si possono consultare:

  • il database degli eco-ristoratori trentini
  • la mappa degli eco-ristoratori trentini


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *